La cessione del quinto dello stipendio/pensione è una particolare forma di prestito personale non finalizzato caratterizzato da rate costanti trattenute direttamente dal datore di lavoro o dall'ente previdenziale. La durata può andare da 24 a 120 mesi, il tasso è fisso e le rate hanno un importo costante per tutta la durata del finanziamento. L'importo della rata non può superare il quinto della retribuzione/pensione netta mensile. 
 
Il principale riferimento normativo, che ne disciplina caratteristiche e modalità di erogazione, è rappresentato dal DPR n.180/50 e dal DPR n.895/50, al quale hanno fatto seguito, negli anni, ulteriori fonti normative, quali ad esempio la Legge n. 80 del 2005 e le Leggi finanziarie del 2005 e del 2006. 
 
Possono accede a tale tipologia di finanziamento tutti i dipendenti con contratto di lavoro subordinato ed i pensionati.
 
Per legge, la cessione del quinto deve prevedere la stipula di contratti di assicurazione, a beneficio dell'Istituto finanziario, sulla vita del debitore e contro il rischio d'impiego (non prevista per i pensionati), a garanzia dell'importo totale dovuto dal debitore. L'Istituto si farà carico della stipula e del relativo costo di tali polizze. In caso di perdita definitiva del diritto alla retribuzione, derivante dagli eventi coperti da garanzia, la compagnia assicurativa rimborserà all'istituto finanziario il debito residuo.
 
In caso di decesso del debitore, la Compagnia assicurativa estinguerà il finanziamento nel rispetto delle condizioni assicurative. Ove non escluso dalle normative in vigore, la Compagnia assicurativa resterà surrogata in ogni diritto ad essa spettante nei confronti del debitore. In questi casi, ad esempio, con la sottoscrizione del contratto, il Cliente autorizza il proprio datore di lavoro a conservare il TFR maturato e maturando a garanzia della cessione quinto stipendio.
 
La cessione del quinto prevede comunque una verifica del merito creditizio del Cliente, al fine di evidenziare elementi di valutazione del sovraindebitamento. Inoltre verranno effettuate delle verifiche dall'Istituto Finanziario sul datore di lavoro, del quale viene valutata la solidità patrimoniale e finanziaria al fine di determinare la capacità dell'Azienda di operare le trattenute sullo stipendio e versare le rate all'Istituto. 
La cessione del quinto può essere rinnovata con un'altra operazione di cessione che estingue la precedente a patto che sia trascorso almeno il 40% del periodo di ammortamento della prima cessione.
 
Qualora l'importo del finanziamento richiesto, avente una rata pari al quinto dello stipendio, non sia sufficiente a soddisfare le esigenze finanziare del Cliente, questo può richiedere un ulteriore finanziamento denominato “Delega di Pagamento”. 
 
La Delega di Pagamento è un prestito personale per il quale il Cliente conferisce mandato irrevocabile, ai sensi degli artt. 1269 c.c. e 1723 comma2 c.c., al proprio datore di lavoro, a versare le rate, trattenendo le relative quote dallo stipendio, all'Istituto che ha erogato il finanziamento. Anche la Delega di Pagamento è caratterizzata da avere una rata costante, pari ad un ulteriore quinto dello stipendio, una durata compresa da 24 a 120 mesi ed un tasso di interesse fisso. Possono richiedere una delega di pagamento solo i dipendenti da lavoro subordinato e non i pensionati.
 
Anche la Delega di Pagamento deve essere assistita da una polizza assicurativa contro il rischio vita e impiego, con le stesse garanzie sopra descritte. 
La delegazione di pagamento prevede comunque una verifica del merito creditizio del Cliente, al fine di evidenziare elementi di valutazione del sovraindebitamento. Inoltre verranno effettuate delle verifiche dall'Istituto Finanziario sul datore di lavoro, del quale viene valutata la solidità patrimoniale e finanziaria al fine di determinare la capacità dell'Azienda di operare le trattenute sullo stipendio e versare le rate all'Istituto. 
 
Contrariamente a quanto avviene per la cessione del quinto, la delega di pagamento non prevede l'obbligo da parte del datore di lavoro di assumersi l'impegno ad effettuare le trattenute sullo stipendio. Per tale motivo spesso per richiedere una delega di pagamento occorre che sia stata stipulata una convenzione tra il datore di lavoro e l'Istituto Finanziario che eroga il finanziamento.
 
Anche la Delega di Pagamento può essere rinnovata con un'altra operazione della stessa tipologia che estingue la precedente, a patto che sia trascorso almeno il 40% del periodo di ammortamento
 
Sia i contratti di cessione del quinto che di delega di pagamento, una volta stipulati con il Cliente, devono essere notificati alle amministrazioni datrici di lavoro. Solo dopo aver ricevuto dal datore di lavoro conferma della presa in carico del finanziamento (e quindi dell'effettuazione delle trattenute sullo stipendio), l'Istituto Finanziario procederà alla liquidazione del finanziamento, al netto degli eventuali acconti  o estizioni erogati al e per conto del Cliente.
 
In sintesi, un lavoratore dipendente, può richiedere contemporaneamente due finanziamenti, una cessione del quinto e una delega di pagamento, entrambi aventi una rata pari al quinto dello stipendio. L'impegno finanziario complessivamente assunto del Cliente sarà quindi pari al 40% della retribuzione netta mensile.
 
© ADV Finance Spa, Via Molino delle Armi 4, 20123 Milano, P.iva 05077520962, Società iscritta all'Elenco ex art. 106 D.Lgs 385/93 con n. 41952,
Iscrizione al registro delle imprese di Milano n. 1795837, Capitale Sociale i.v. : Euro 3.080.000,00,
Iscritta al RUI tenuto dall'IVASS al n. E000348856, posta elettronica certificata: advfinance@legalmail.itnotizie sul lavoro